Centro di Psicologia e Psichiatria Forense

Centro di Psicologia e Psichiatria Forense

Responsabile:

Dott. Marco Cannavicci, Psichiatra forense

Collaboratori:

Dott. Giuseppe Rociola, Psicologo

Dott.ssa Federica Solazzo, Psicologa

centro-disturbi-cognitivi-e-comportamentali


Il nuovo “Centro di Psicologia e Psichiatria forense” è pensato per offrire uno strumento completo e innovativo di presa in carico, accertamento e valutazione dei procedimenti giudiziari intrapresi al fine di conseguire un risarcimento dei danni subiti.

Il servizio nasce, infatti, con l’intento di fornire consulenze di parte che si contraddistinguano, in sede giudiziaria, per l’elevata qualità e completezza.

L’obiettivo primario è di formulare relazioni peritali che rispondano all’attuale esigenza della collettività di rendere “oggettivabile il soggettivo” e, quindi, di dare al vissuto personale delle circostanze scatenanti il contraddittorio, un valido supporto scientifico che possa, in maniera inequivocabile, sostenere il nesso causale tra l’evento vissuto e il danno da esso derivante.

Tale obiettivo è reso facilmente perseguibile e realizzabile grazie alla possibilità di effettuare tutti gli accertamenti del caso (clinici, psicodiagnostici, medico-legali) all’interno della struttura stessa, e in collaborazione con i vari reparti, comportando un notevole risparmio in termini di costi e di tempo per l’utente.

Il Centro si avvale, inoltre, di un’equipe multidisciplinare, specializzata e competente, capace di confrontarsi e di integrare i diversi risultati raggiunti facendoli confluire in una relazione peritale valida e dettagliata.

Il servizio, in particolare, offre consulenze di parte per i seguenti ambiti:


DANNO BIOLOGICO:

si intende qualunque lesione all’integrità psico-fisica della persona che includa l’alterazione dell’aspetto esteriore, la diminuzione delle capacità psico-fisiche, sociali e lavorative.

Tra le sotto categorie troviamo:


DANNO TANATOLOGICO:

può essere riconosciuto, e pertanto risarcito, alle persone legate da vincoli ereditari al soggetto deceduto.


DANNO PSICHICO:

si caratterizza per un’alterazione delle funzioni psichiche riscontrabili in un individuo rispetto al periodo precedente la circostanza scatenante (lesione organica, trauma). Tale alterazione non può consistere semplicemente in un fisiologico e comprensibile momento di turbamento o sofferenza rispetto all’evento, ma deve costituirsi in quanto perdita o riduzione delle funzioni mentali dell’individuo, di intensità e durata non congruente alla circostanza occorsa.


DANNO MORALE:

corrisponde ad un turbamento dello stato d’animo derivante dall’aver subito un comportamento integrante gli estremi di un reato, risarcibile in misura discrezionale, in quanto dotato di autonomia ontologica, nonostante l’indicazione di utilizzare criteri che quantifichino il risarcimento in proporzione alla gravità del reato e all’entità della sofferenza patita dalla vittima.


DANNO ESISTENZIALE:

rientra in tale categoria il pregiudizio derivante dall’alterazione in senso peggiorativo della sfera personale tale da ostacolare le attività realizzatrici della persona.


AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO:

si tratta di uno strumento giuridico di protezione della persona ( legge n. 6/2004) che, per effetto di una menomazione fisica e/o psichica (anziani, disabili fisici o psichici, alcoolisti, tossicodipendenti, detenuti, pazienti oncologici in fase terminale o in stato di coma, etc.) si ritrova nell’impossibilità di provvedere ai propri interessi, di amministrare i propri beni e di godere di piena autonomia nell’espletamento delle funzioni nella vita quotidiana.

In tali circostanze il Giudice tutelare nomina l’amministratore di sostegno, il quale, una volta prestato giuramento, si impegna a curare gli interessi della persona beneficiaria, la sua integrità e il suo benessere psicologico, nel rispetto delle sue aspirazioni, bisogni e aspettative.

Il Centro, attivo anche sul piano formativo, propone master, corsi di formazione e giornate di studio rivolte ai professionisti del settore (avvocati, medici legali, psicologi e psichiatri) che siano interessati ad un aggiornamento continuo in una materia in costante evoluzione.


Via Nomentana, 136200137 Roma (Lazio) Italy

Tel. +39 335 189 3170
E-mail: